Approfondimenti

Lista degli argomenti trattati finora:

 



PERINEO: Ma che cos’è?

Per molte persone è del tutto sconosciuto, ma è di fondamentale importanza per la salute fisica e psichica della donna.
Il Perineo o Pavimento pelvico è una struttura muscolare complessa, costituita da una fascia di muscoli che si estende dal pube al coccige, formando un vero e proprio “pavimento” alla base del bacino, con forma concava.
Ha due principali funzioni: sostenere gli organi pelvici (utero, vagina e retto) e consentire l’emissione di urina, feci ed il rilassamento e la distensione durante i rapporti sessuali o il parto.
Nel corso della vita il perineo è sottoposto a modificazioni importanti dovute ad un sovraccarico legato per esempio al peso eccessivo, al tipo di lavoro, al numero di gravidanze, alla tipologia di parto, o al calo estrogenico che caratterizza la menopausa.
Tutto ciò porta all’indebolimento di questa muscolatura che può causare molteplici disturbi o problemi.

A qualcuna di voi capita ogni tanto di perdere qualche goccia di pipì, avere spesso lo stimolo anche se la vescica è vuota o provare dolore o fastidio durante i rapporti sessuali o non riuscire ad arrivare all’orgasmo?
Se sì, allora continuate a leggere, se invece no, potete leggere lo stesso per evitare di arrivare ad avere questi disturbi che possono peggiorare notevolmente il vostro benessere psico- fisico.

I principali disturbi dell’indebolimento del pavimento pelvico sono:
– perdita di urina durante sforzi, tosse, starnuti;
– bisogno urgente di urinare anche a vescica vuota;
– insoddisfazione sessuale (dispareunia, anorgasmia);
– sensazione di pesantezza pelvica;
– difficoltà a ritenere un assorbente interno,
– fuoriuscita di acqua dalla vagina dopo un bagno o rumori di aria dalla vagina (durante esercizi ginnici);
– difficoltà a trattenere gas intestinali e/o feci, emorroidi, stitichezza.

In questi casi è possibile che i muscoli abbiano bisogno di essere allenati perchè privi di tono, oppure di essere rilassati perchè troppo tesi ma comunque deboli.

In Italia c’è una forte mancanza di programmi di prevenzione e di cultura verso la cura e l’allenamento dei muscoli perineali. L’incontinenza urinaria è molto diffusa, ma con una corretta conoscenza e cura, tanti disturbi possono essere evitati, agendo in prevenzione, o risolti, continuando ad avere una vita dignitosa.

La consapevolezza dei problemi e’ la chiave che apre la porta alle possibili soluzioni.

Avere un perineo tonico e vitale aiuta non solo a prevenire possibili disfunzioni a carico della zona pelvica ma ad avere una maggiore consapevolezza del proprio corpo, a migliorare la postura, risolvendo problemi di mal di schiena o dolori articolari ed a migliorare e rivitalizzare il rapporto di coppia e la sessualità.

Tutto questo è possibile grazie alla Ginnastica Pelvica, una serie di esercizi eseguiti in autonomia, finalizzati a migliorare il tono e la contrattilità dei muscoli.
Il CORSO, articolato in 5 incontri, è condotto da un’ostetrica che darà le basi alle donne per eseguire gli esercizi a domicilio in piena autonomia.
E’ rivolto a TUTTE le DONNE:
• che vogliono conoscere e prendersi cura della propria salute agendo in prevenzione per evitare eventuali disturbi a livello perineale;
• in gravidanza, che hanno avuto gravidanze;
• in menopausa;
• che soffrono di lieve incontinenza, dolore durante i rapporti sessuali o altri disagi della sfera uro-genitale;
• che soffrono di emorroidi o stitichezza (nonostante un’alimentazione adeguata con un ricco apporto di liquidi)

Dedica una piccola parte del tuo tempo per imparare
a prenderti cura di te stessa in modo del tutto autonomo. …
… DECIDI ORA PER IL TUO FUTURO …



Il Massaggio Infantile

 nascitaedintorni

Il massaggio dei neonati è un’arte antica e profonda.
Semplice ma difficile
difficile perché semplice.
Come tutto ciò che è profondo…
                                                                                                     Frèdèrick Leboyer

Il massaggio infantile è:        ASCOLTO, RISPETTO, EMPATIA, AMORE E PROTEZIONE

Benefici del massaggio infantile
Il massaggio infantile apporta benefici fisiologici e psicologici ai bambini che lo ricevono. La prima forma di comunicazione che il neonato riceve ed il suo primo sviluppo avvengono attraverso la pelle. Pensiamo per un momento a cosa sarebbe la nostra vita senza il tatto, se non potessimo percepire le carezze, i baci, gli abbracci di chi ci ama. Un famoso antropologo, Ashley Montagu descrive il tatto come il principale e più importante organo di senso.

Molti esperimenti sugli animali hanno provato che se da piccoli non venivano leccati, accarezzati o tenuti vicini, molti addirittura morivano. Crescendo, erano più esili e vulnerabili allo stress, tendevano a combattere tra di loro e a trascurare o a rifiutare i propri piccoli. Anche studi tra culture diverse hanno provato che i bambini che sono tenuti in braccio e massaggiati molto di più che nelle culture occidentali, risultano essere meno aggressivi e violenti.
Una famosa ricercatrice dell’Università di Medicina di Miami Tiffany Field , ha condotto una ricerca pubblicata in un libro con in contributi di altri illustri collaboratori, medici e pediatri. Tyffany Field ha studiato gli effetti del massaggio sui bambini in varie situazioni. Bambini sani, pretermine, sieropositivi, esposti all’alcool o alle droghe, asmatici, autistici con ritardo nello sviluppo, con disturbi del comportamento, in seguito a stress da trauma, bulimia, diabete, artrite reumatoide e problemi psichiatrici.

Questi bambini quando venivano massaggiati per 15 minuti al giorno davano dei risultati straordinari:
erano più svegli e attivi, avevano i livelli di cortisolo più bassi, si addormentavano prima senza bisogno di essere cullati. Dopo un periodo di prova di sei mesi, i bambini massaggiati crescevano di peso, miglioravano nei test che valutavano lo sviluppo emotivo, la socialità, il comportamento, c’era una diminuzione da stress nell’urina e un aumento della serotonina che indicava una minore depressione.
Il massaggio quindi apporta una buona stimolazione di tutti i sistemi fisiologici, dona rilassamento, dà sollievo, e sviluppa una buona interazione.
Il massaggio aumenta la stabilità del sistema nervoso e la resistenza alle malattie.

La stimolazione sensoriale inoltre, accelera la mielinizzazione del sistema nervoso e celebrale. La guaina mielinica è una copertura grassa che ricopre i nervi fungendo da isolante come quello di un filo elettrico. Protegge il sistema nervoso ed accelera la trasmissione degli impulsi dal cervello al resto del corpo. Alla nascita, questo processo non è completo, ma la stimolazione cutanea può accelerarlo.

Il massaggio eseguito sui prematuri, stimola il sistema cardio- respiratorio, gastrointestinale e migliora lo sviluppo neurologico, aiuta il bambino a sviluppare delle sensazioni positive nel proprio corpo ed allenta le tensioni represse. Un genitore che massaggia costantemente il suo bambino, lo aiuterà a ridurre il suo livello di tensione, un modo diverso di ascoltarlo e di comprendere le sue necessità.

Il massaggio dà sollievo durante le coliche addominali, causa frequente nei bambini piccoli, tonifica il tratto digestivo, rimuove l’aria intrappolata ed il materiale fecale nell’intestino. Vi sono inoltre massaggi che danno sollievo al bambino con il mal di denti, raffreddato o in tensione emotiva.
Il massaggio infantile è di grande aiuto nel rafforzare il legame bambino-genitore, (il Bonding) in inglese significa cementare, rafforzare, l’attaccamento è un fenomeno di base presente in natura, una relazione unica e speciale tra due individui che dura nel tempo. Il bonding è già presente durante la gravidanza tra la mamma ed il bambino ma alla nascita, l’amore dei genitori e della famiglia contribuirà a rafforzare questo legame. Il massaggio infantile è utile in questo processo di crescita e può essere uno strumento per creare e mantenere i legami d’amore in ogni situazione.

Purtroppo, nei bambini nati pre-termine e trasferiti nella TIN “terapia intensiva neonatale” questo legame viene interrotto, perché la madre non ha la possibilità di tenere il suo bambino con se ma di vederlo attraverso una incubatrice.
Le nostre mani non comunicano solo amore calore e tenerezza, quando massaggiamo i nostri bambini gli infondiamo sicurezza, benessere e voglia di vivere.

Il massaggio avviene in piccoli gruppi ed è condotto da un’insegnante A.I.M.I (Associazione Italiana Massaggio Infantile)

Massaggiando il nostro bambino con regolarità scopriremo che stiamo sviluppando un legame che durerà per tutta la vita.

 



Il Massaggio

massaggio

 

Il massaggio, è una comunicazione non verbale profonda con noi stessi…esso svolge un’azione distensiva sul corpo e sulla mente.
Questo dialogo ricco di energia, è un momento unico e importante, per ritrovare salute e benessere.

Attraverso la stimolazione tattile possiamo :

  • distendere la muscolatura contratta
  • abbassare i livelli di stress, causa frequente del mal di testa e disturbi digestivi
  • mobilizzare i blocchi energetici
  • aiutare il transito intestinale
  • alleviare i dolori reumatici
  • nei problemi circolatori, vene varicose, crampi, gambe pesanti (soprattutto durante la gravidanza) migliorare l’ossigenazione dei tessuti
  • aiuta a ridurre i cuscinetti adiposi e a rendere più tonica la pelle

Il massaggio deve essere considerato una cura naturale, uno spazio tutto nostro di coccole e di protezione verso noi stessi .



Reiki 

reiki

Reiki, è un antico metodo di guarigione naturale, la parola “Reiki” è formata dall’unione di due termini, Rei e ki e si riferiscono all’energia universale.

Reiki riporta l’equilibrio tra le due energie, quella fisica dell’uomo con quella cosmica, avviando una trasformazione energetica profonda, che ci guida con amore verso la strada del cambiamento e della crescita personale attraverso una maggior consapevolezza di noi stessi.



Leggere ad alta voce

 leggere

 

In Associazione, tutti i sabato pomeriggio su appuntamento, si tengono dei laboratori di lettura ad alta voce, rivolti a bambini in età scolare e prescolare. In questo modo, i bambini potranno avvicinarsi al mondo dei libri, in un ambiente confortevole, familiare e protetto.
Ma perché è importante leggere a voce alta?

  • perché bisogna creare, sin da piccoli, un legame affettivo con il libro
  • perché leggere a voce alta promuove un’attenzione positiva verso il libro
  • suscita l’amore per la lettura, la voglia di imparare a leggere e di apprendere
  • offre l’opportunità di conoscere temi e autori sempre diversi
  • stimola la fantasia e la curiosità
  • permette di conoscere le emozioni più profonde del bambino
  • rafforza la relazione genitore/bambino
  • lo incoraggia a scrivere del mondo che lo circonda
  • è divertimento e condivisione
  • perché nonostante il male, la speranza trionfa e il bene vince sempre…

Siediti vicino a me e chiudi gli occhi, lascia andare il tuo cuore e colmalo di parole nuove…



Gli Oli Essenziali

oliessenziali

Gli oli essenziali sono miscele aromatiche complicate, composte da sostanze organiche volatili, contenute nelle piante, dalle quali vengono estratte mediante distillazione, per mezzo di solventi o per spremitura delle stesse. Il loro nome deriva dalla pianta di estrazione, esempio: olio di lavanda, di rosmarino, di mandorla, di eucalipto, (questi sono solo alcuni degli oli che si trovano in commercio).
Le proprietà degli oli essenziali sono diverse: essi sono estremamente volatili e possiedono un odore caratteristico detto aroma, sono generalmente liquidi, di diversi colori o anche incolori, e hanno una consistenza oleosa; il loro sapore è intenso e raramente sono solubili in acqua. Le proprietà attribuite agli oli essenziali sono antisettiche e antibatteriche, antivirali, antinfettive, balsamiche o rilassanti.

Si possono usare gli oli per usi diversi ma sempre con cautela, data la forte concentrazione di principi attivi. Questi oli sono indicati anche nel massaggio ma vanno diluiti in un olio vegetale neutro (Mandorla, Grano, Oliva o di Jojoba ) oppure anche in una crema idratante neutra. Sono altamente nutrienti grazie all’elevato contenuto di acidi grassi insaturi e vitamine naturali.

Gli Oli essenziali completamente vegetali, vengono riconosciuti dalla pelle e ne stimolano gli scambi vitali. Durante il massaggio, migliorano l’elasticità della pelle e donano equilibrio ed armonia tra il corpo e la mente.

Di seguito vengono elencati alcuni tipi di oli essenziali ed il loro uso in cosmetica:

lavanda

OLIO ALLA LAVANDA

Per ottenere l’olio essenziale si utilizzano sono le sommità fiorite. Questa essenza ha molte proprietà terapeutiche.
La lavanda ha un profumo molto intenso, è utilizzata per rilassare e distendere la mente. Può avere effetti analgesici sul mal di testa se utilizzata come olio essenziale puro in aromaterapia.
L’ olio essenziale di lavanda è un ottimo sedativo naturale: utile in caso di ansia, insonnia , agitazione e nervosismo.

Ha proprietà analgesiche, antisettiche e antibiotiche che la rendono un ottimo aiuto contro le malattie da raffreddamento: influenza, tosse, raffreddamento, sinusite, catarro
Agisce sullo stomaco e sull’intestino, stimola e funzioni digestive. Diminuisce i dolori addominali.

E’ diuretica e antisettica, e contrasta le affezioni del sistema genito-urinario, come le cistiti. Allevia i dolori muscolari.

Ha anche proprietà cicatrizzanti e qualche goccia di lavanda apporta sollievo in caso di tagli, ferite, piaghe, punture d’insetti, eritemi da medusa.
È un ottimo rimedio nei bambini per curare tanti piccoli disturbi infantili (coliche, raffreddore, nervosismo)

melograno

OLIO AL MELOGRANO

L’olio di semi di melograno è tra gli oli più pregiati che si possono usare in cosmetica. Da 100kg di melograno si ricavano solamente 500g di questo olio. I benefici derivati da questo olio sono straordinari, ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Ideale per la pelle secca e matura. Ripara il tessuto cutaneo e previene l’invecchiamento, studi scientifici hanno dimostrato la sua efficacia nella rigenerazione cutanea.

Questo prezioso olio, dal profumo sensuale e femminile, grazie alle sostanze attive dei semi di melagrana,rende la pelle morbida, elastica e levigata. La sua provata azione antiossidante aiuta a contrastare l’invecchiamento cutaneo e la protegge dalla disidratazione.


 

rosamosqueta

OLIO ALLA ROSA MOSQUETA

E’ un olio molto fine dal profumo intenso. Favorisce l’attenuazione delle rughe e distende la pelle, protegge la cute dall’eccessiva disidratazione. L’olio estratto dai semi di rosa mosqueta, in combinazione con altri principi attivi bionaturali, è particolarmente indicato per attenuare le prime rughe, perché stimola l’attivazione dei processi rigenerativi delle cellule cutanee rivitalizzandole in profondità. È inoltre indicato nel trattamento di cicatrici, scottature solari e macchie di vecchiaia. Aiuta la rigenerazione dei capelli, attraverso un massaggio profondo.


 

limone

OLIO AL LIMONE

L’olio essenziale di limone ha proprietà calmanti sul sistema nervoso, nei casi di ansia, insonnia è un buon antisettico e antibiotico in caso di ferite infette.
Tonifica il sistema circolatorio venoso e linfatico ed è un valido aiuto in caso di vene varicose, fragilità capillare, gambe pesanti e cellulite.

L’ olio di limone, possiede inoltre proprietà schiarenti, aiuta la formazione di nuove cellule dell’epidermide, combatte i processi d’invecchiamento cellulare, favorendo, al contempo, la cicatrizzazione. Per questa ragione è indicato alle pelli che presentano macchie solari o di vecchiaia, rughe e smagliature. Inoltre è un ottimo rinforzante per le unghie deboli o sottili. Si può usare nelle persone che soffrono di reumatismi e artrosi, essendo un valido antinfiammatorio.


 

olivellospinoso

OLIO ALL’OLIVELLO SPINOSO

L’olio di olivello spinoso è un olio rivitalizzante, contiene vitamine naturali in particolare vitamina C, che donano morbidezza ed elasticità alle pelli spente e secche. Questo svolge un’azione protettiva e rigenerante sulla pelle. Di colore dorato e ricco di vitamine e acidi grassi insaturi, l’olio di olivello spinoso stimola la naturale rigenerazione epidermica. Il fresco profumo fruttato degli oli essenziali naturali lo rende gradevole dopo il bagno o la doccia.


 

betulla

OLIO ALLA BETULLA

Questo olio ripristina il naturale equilibrio della pelle, un’azione particolarmente importante in caso di predisposizione alla cellulite. Usato regolarmente previene efficacemente la formazione degli inestetismi e migliora l’aspetto cutaneo.
L’ olio essenziale di betulla, si compone di preziosi nutrienti che favoriscono la naturale rigenerazione della pelle, ridonandole tonicità e compattezza.
Le foglie fresche sono più attive e ciò fa supporre che l’olio essenziale, rinforzi l’attività diuretica.


calendula

OLIO ALLA CALENDULA

L’olio di calendula è un oleolito, ottenuto dalla macerazione dei fiori di calendula officinalis in un olio vegetale, e dotato di una potente azione eudermica, perché in grado di migliorare lo stato della pelle; utile in tutti quei casi in cui risulta essere irritata e screpolata. L’olio di calendula è anche un grande alleato delle mamme: infatti lenisce e protegge le pelli sensibili e irritabili del neonato e del bambino; inoltre se usato preventivamente contrasta la formazione delle ragadi al seno della mamma che allatta, ed è anche capace di cicatrizzare velocemente quelle già presenti. L’ olio di calendula svolge un’azione emolliente, calmante, lenitiva, antinfiammatoria e cicatrizzante sulle pelli sensibili e irritate. Viene usato in modo efficace per  nutrire e idratare la pelle secca, screpolata e arrossata e nei casi dove la cute sia interessata da eritemi solare  o lievi ustioni, reazioni allergiche ad agenti chimici o dermatiti da fattori ambientali, e infine neutralizza le tossine nelle punture di insetti.


arnica

OLIO ALL’ARNICA

L’arnica ha una spiccata azione tonica sui tessuti, è uno strumento efficace e prezioso primo e dopo lo sforzo muscolare. Questo olio vegetale è dotato di proprietà antinfiammatorie ed è indicato in caso di traumi, dei muscoli e dell’apparato osteoarticolare, distorsioni, slogature, flebiti e reumatismi.

Le proprietà e i benefici dell’olio all’arnica sono molteplici, oltre a ridurre il dolore dovuto a traumi quali urti e cadute, favorisce anche il riassorbimento dei lividi, ematomi, ecchimosi ed edemi, riducendo velocemente il gonfiore e il dolore.

Viene utilizzato in tutte quelle situazioni in cui dobbiamo usare il ghiaccio (cadute, fratture, lussazioni, incidenti) per evitare la formazione di un versamento, che sia di liquidi o causato dalla rottura dei vasi sanguigni.

Ideale per un massaggio tonificante sui muscoli, prima e dopo attività sportiva o per chi durante le giornate fredde, fa sport all’aperto. Dona energia al corpo stanco e dolorante Si utilizza massaggiando poche gocce d’olio di arnica direttamente sul muscolo o diluendolo ulteriormente in un olio da massaggio vegetale neutro.

Nel trattamento delle vene varicose l’olio di arnica è un valido aiuto per sfiammare e far rientrare i vasi, grazie alla sua azione antinfiammatoria e astringente sul sistema circolatorio. Per questa ragione è impiegato anche sulle emorroidi.



I CRISTALLI E I CHAKRA

Centinaia di anni di uso e sperimentazioni ci hanno dimostrato che i Chakra non si riequilibrano con le normali medicine. I Chakra sono sensibili alle vibrazioni e si riequilibrano attraverso frequenze (vibrazionali) e magnetismo. Cosa crea la giusta frequenza vibrazionale?
Un profumo creato specificamente, un pensiero positivo, un colore, una nota musicale, un alimento, gli esercizi di meditazione… ecco, in realtà molti elementi creano una giusta frequenza vibrazionale e conoscendo la gamma vibrazionale di ogni Chakra e conoscendo il Chakra da riequilibrare, possiamo “assumere”, in qualsiasi forma, vibrazioni che ci aiutano…

Cerchiamo allora di capire quali elementi, pietre, colori pianeti ed oli essenziali sono collegati ad ogni Chakra così da utilizzarli in frequenza vibrazionale atta ad riequilibrare i nostri CENTRI ENERGETICI.

Primo Chakra – Muladhara
Colore associato: ROSSO

Si trova alla base della spina dorsale, intorno al perineo. La sua funzione principale è legata al mantenimento della connessione del corpo fisico con la vita sul pianeta Terra, assicurandoci la sopravvivenza. Questo centro rappresenta le RADICI che ci connettono al flusso energetico.
Il primo chakra è, quindi, associato all’elemento Terra.
Il pianeta connesso al primo Chakra è SATURNO (sebbene anche PLUTONE esercita influssi)
Nel corpo fisico controlla le ossa, i piedi, le gambe e la base della colonna vertebrale.
Il senso associato è l’olfatto.

Gli OLI e le ESSENZE più indicate sono quelle provenienti da alberi con radici profondamente radicate nel terreno, come legno di sandalo, di cedro, di rosa, cipresso e olmo. Altre essenze che aiutano a sanare i disequilibri di un Chakra base in particolare nelle  manifestazioni di ansia, depressione e paura, sono: rosa, mirra, muschio di quercia, pepe nero, geranio, vetiver, melissa, patchouli, ylang ylang e incenso. Questi oli aiutano a superare il senso di isolamento, ricordandoci che siamo parte del Tutto.

Pietre affini: Ematite, Onice nero, Tormalina nera, Quarzo fumè, Meteoriti, Tectite, Rubino, Granato, Ossidiane.
Quando focalizzarsi sul primo Chakra: situazioni di lavoro precarie, quando ci apprestiamo ad avere questioni immobiliari (quali ad esempio: vendita, acquisto, trasloco); decisioni importanti da prendere per il futuro, spese ingenti da effettuare, quando siamo alla ricerca di stabilità, quando pratichiamo sport soprattutto se a livello agonistico.

Secondo Chakra – Svadhisthana
Il colore è ARANCIONE

E’ collocato tra l’ombelico e i genitali e governa l’energia sessuale e il desiderio di piacere. Questo centro è connesso con l’elemento Acqua.
Introduce i concetti di dualità, polarità e trasformazione.
Il pianeta che esercita influssi in questa zona è la LUNA.
Nel corpo fisico corrisponde a genitali, reni, utero,vescica, colonna inferiore.
Per equilibrare il secondo Chakra attraverso gli oli essenziali, utilizzeremo quelli prevalentemente dolci e fruttati.

L’olio di neroli (la zagara) permette a questo Chakra di espandersi, rifiorendo mentre l’olio essenziale di arancia dolce, lo purifica equilibrandolo.
Inoltre sono ottimi per questo centro, le essenze di: mandarino rosso, lavanda, gelsomino, geranio, camomilla, Ylang-Ylang, rosa, finocchio dolce, issopo.

Pietre affini: Corniola, Agata di Fuoco, Opale di Fuoco, Diaspro arancio, Occhio di Bue.
Quando focalizzarsi sul secondo Chakra: quando desideri migliorare i rapporti con gli altri, aumentare il fascino, vivere serenamente la propria sessualità, se sei alla ricerca di un partner, se vuoi stimolare l’intuizione.

Terzo Chakra – Manipura
Il suo colore è il GIALLO

Situato in prossimità del plesso solare, questo centro è associato al SOLE e determina il nostro potere personale.
A livello fisico, il terzo Chakra governa il metabolismo ed è connesso con l’elemento Fuoco.

Per questo centro sono indicati tutti gli oli gialli. In particolare sono: bergamotto per aiutare la concentrazione; il limone che energizza  ed è un buon aiuto per il sistema digestivo, la cistifellea,  stimola il fegato e disintossica il corpo; il rosmarino che aiuta a superare la mancanza di iniziativa, zenzero aiuta a calmare il senso di nausea, vetiver ci rilassa e ci riporta alla nostra natura più profonda ed infine lavanda calmante, rilassante, aiuta a metabolizzare le emozioni bloccate.
Per questo Chakra altre essenze indicate sono: Garofano chiodi e Pino cembro.

Pietre affini: Topazio giallo, Quarzo citrino, Pirite, Crisoberillo, Calcite gialla, Occhio di Tigre, Ambra.
Quando focalizzarsi sul terzo chakra: per aumentare l’autostima, per incrementare la capacità di agire in modo efficace e superare situazioni bloccate, rabbia e frustrazioni, quando si è sotto stress per concorsi, quando si devono affrontare colloqui di lavoro o prendere iniziative, per reagire meglio e positivamente ad una situazione pesante.

Quarto Chakra – Anahata
Il colore associato è il VERDE , ma anche il ROSA

Il Chakra del cuore è connesso all’Amore in tutte le sue manifestazioni.
E’ collegato all’elemento Aria. Il quarto Chakra è associato al pianeta VENERE
Agisce da ponte tra corpo e mente e da centro equilibratore tra istinti superiori ed inferiori.
Nel corpo fisico, questo Chakra corrisponde al cuore ma anche ai polmoni e al sistema immunitario.
Si consiglia di associare al quarto Chakra le essenze:  melissa per calmare le tensioni emotive ed è particolarmente utile nei casi di stress cardiovascolare, il legno di sandalo che allevia paura ed egoismo, il pino e il caprifoglio per imparare ad esprimere i sentimenti e contro la freddezza; ma sicuramente l’olio più conosciuto per aprire il cuore è quello di rosa meglio se di Damasco.
Altre essenze da citare sono: Gelsomino, Mirto, Neroli, Tuberosa.
Pietre affini : Smeraldo, Quarzo rosa, Giada, Malachite, Pietra di Luna, Kunzite, Tormalina verde.
Quando focalizzarsi sul quarto Chakra: per vivere con serenità ed equilibrio i sentimenti, per favorire gli incontri, per rendere più amorevole l’atmosfera in cui si vive, per  amare e essere sinceramente amato incondizionatamente, per proteggersi dai sentimenti negativi altrui, per l’espressione della propria sensibilità.

Quinto Chakra – Vishuddha
Il colore associato è il BLU.

Il quinto Chakra è situato alla base del collo e rappresenta comunicazione e creatività.
Uno degli elementi associati a questo Chakra è l’ETERE. Il Chakra della gola è connesso al pianeta MERCURIO

Si consiglia di associare le essenze: Achillea, Camomilla blu, Camomilla romana, Cipresso, Eucalipto, Geranio, Niaouli, Origano, Ravensara.

Pietre affini : Turchese, Calcedonio azzurro, Amazzonite, Azzurrite, Indicolite, Celestite.
Quando focalizzarsi sul quinto chakra: attività e situazioni in cui è determinante la comunicazione -parlare in pubblico -attività creative e di espressione (canto, musica, ecc.) -per comprendere intuitivamente simboli, sogni, miti -per far crescere la fiducia negli altri verso di noi.

Sesto Chakra – Ajna
Il colore è l‘INDACO.

Situato leggermente più in alto degli occhi , il sesto Chakra, conosciuto anche come il terzo occhio, governa le percezioni intuitive e psichiche. L’elemento a lui associato è la LUCE.
Il sesto centro dell’intuizione è associato a GIOVE e URANO.

Le essenze indicate sono: Achillea, Albero del Tè, Alloro, Angelica, Elicriso, Galbano, Gelsomino, Ginepro bacche, Palmarosa, Timo.

Pietre affini: Quarzo ametista, Fluorite viola, Lepidolite, Sugilite, Charoite, Sodalite.
Quando focalizzarsi sul sesto chakra: situazione in cui occorre attenzione e lucidità mentale -per lo studio, la concentrazione e la meditazione -per calmare i propri pensieri -nei momenti di depressione mentale

Settimo Chakra – Sahasrara
Il colore del settimo Chakra è il VIOLA.

Il suo elemento è il PENSIERO.
Il settimo Chakra è la via alla consapevolezza cosmica ed è il punto d’ingresso delle energie che scorrono nei Chakra e nei nostri corpi sottili. Il Chakra della corona è associato a NETTUNO.

Le essenze indicate sono: Angelica, Elemi, Incenso, Issopo, Lavanda, Mirra, Noce moscata, Pepe nero.

Pietre affini: Selenite, Quarzo ialino, Diamante, Topazio bianco, Quarzo tormalina.
Quando focalizzarsi sul settimo Chakra: per favorire la percezione intuitiva -situazioni di dubbio -quando è difficile identificare una cosa precisa -come protezione da energie potenzialmente negative